domenica 4 novembre 2012

Profumi e ricordi di una volta

Il Pane

forno: tratto dal weeb.

Stamattina passando davanti al forno del mio paese, ho sentito il meraviglioso profumo di pane,
e la mia memoria è andata a quando ero piccola.

Vicino a casa mia, abitava la famiglia della mia amica Silvana, una splendida famiglia di contadini,
con la stalla, dove in inverno al pomeriggio, con mia mamma e mia sorella, andavamo per stare in compagnia ed anche per scaldarci, vista la miseria che c'era, ci si trovava in tante persone , le donne facevano le trecce con la paglia per fare i cappelli.
Ed avevano anche il forno, una volta a settimana  facevano il pane....
Specialmente quando c'era bel tempo che si stava fuori a giocare, si sentiva nell'aria un profumo di pane spandersi nell'aria, e noi bambini attirati da questo profumo, correvamo dalla nonna Maria a prendere un croccante e caldo crostino.
Anche mia mamma faceva il pane in casa e lo portava al forno a cuocere, ci faceva sempre un panino a forma di cestino con dentro una mela...che delizia che era anche quella.

Quali sono i profumi che vi ricordano la vostra infanzia????


Buona settimana a tutti voi.
Ciaoooo!!!

46 commenti:

  1. Il pane certamente, anche per me, è un ottimo veicolo ai profumi dell'infanzia. Come quello dei prodotti del forno caldo in genere.
    Un sorriso per l'inizio della settimana a te.
    ^___^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. pane e dolci sono profumi che non si scordano.
      Ciaooo!! *__*

      Elimina
  2. Magda bellissimo questo post. Sai a me piace tanto, ma tanto, il profumo del lievito di birra. Mi ricordo che anche mia madre quando poteva avere della farina, la impastava per fare il pane. io ero incantata a guardarla. Poi portava l'impasto a cuocere al forno. Però capitava di rado che se lo potesse permettere.. ciaoooooooo cara e brava amica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ci divertivamo a guardare le mamme e tentare di avre qualcosa in mano da provare ad imitarle...
      ciaoooo Bruna.

      Elimina
  3. Anche a me il profumo del pane fresco mi porta indietro negli anni e poi quel profumo tipico dei piccoli negozi alimentari, di quelli che ne esistono pochi, un odore che è un misto tra pene, salame e cose buone, non so come spiegarlo.
    Ciaooo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti capisco,in quel che è rimasto del mio paese, ne abbiamo due di negozi piccolini ancora, e qualche profumino buono si sente ancora.
      Ciaoooo!!

      Elimina
  4. I profumi meravigliosamente invitanti,aglio e cipolla soffritti, provenienti dalle cucine del vicinato.A casa mia il fritto era bandito.
    Ciao,fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è vero Fulvio,la roba non fritta, non ha profumo...

      ma diciamo che fa guadagnare in salute. :-)
      Ciaooo!

      Elimina
  5. Magda il profumo del pane riporta anche la mia memoria indietro con gli anni.
    Quando si passava dal fornaio un profumo meraviglioso impregnava l'aria tutto intorno, quello che non si sente più in questi ultimi anni.
    Sarà colpa del forno che non è più a legna, avranno cambiato gli ingredienti, chissà....
    questo buon profumo lo apprezzo quando il pane lo impasto io e nella casa si diffonde questo profumo che mi riporta alla giovinezza.
    Buona settimana cara amica
    ciaooooooooooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo mantieni vivo il profumo e te lo assapori ancora.
      Ciaoo Marj

      Elimina
  6. Cara Magda, a sentire queste bellissime testimonianze sembra di andare indietro di così tanti anni e invece sono solo decenni si può dire...
    io purtroppo non ho potuto assaporare questi profumi perchè sono nata in città, ma quando avevo due o tre anni abitavo sul lago di COMO, è lì che i miei ricordi sono più profumati.
    buona settimana
    sabrina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le città sono più avare nel donare profumi da ricordare...
      Ciaooo Sabrina.

      Elimina
  7. Quel profumo di pane è qualcosa che è dentro di noi sin dalla nascita.
    Ma quel che mi riporta all'infanzia, sono il profumo della terra e dell'erba bagnata...l'odore della pioggia prima ancora che inizia a cadere le prime gocce.
    Il profumo del borotalco che usava mia madre.
    Ah!! Quanto sono importanti i profumi!
    Mia cara Magda...hai pubblicato un post davvero emozionante.
    Buonanotte e sogni profumati!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti ho risposto più in giù *__*

      Elimina
  8. Qual'è il più buon profumo? Chiedeva re Alboino al nostro Bertoldo:- quello del pane quando esce dal forno!
    Ed è proprio vero!
    Come sempre, un post molto bello, Magda!
    Ciao e buona settimana anche a te. Gaetano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E'vero sì...è un ricordo splendido di quel profumo che ho.
      Ciao Gaetano...

      Elimina
  9. I profumi se ci pensiamo sono veramente tanti....e hai ragione sono importanti.
    Ciao cara Rosetta e sogni profumati anche a te.
    Notte!!

    RispondiElimina
  10. I ricordi più significativi della mia infanzia sono legati alle ferie agostane a Pescasseroli, in Abruzzo.

    Vivendo l'infanzia prima a Roma e poi a Napoli, mi son mancati quei riferimenti nostalgici legati alla cultura locale e così quando andavo in montagna mi lasciavo assorbire dagli odori e dalle abitudini, che osservavo attentamente...

    La Metropoli purtroppo non offriva neanche allora un granchè di emozionale, basti dire che il pane lo compravamo alla salumeria vicino casa...

    Tornando quindi ai profumi che ancor oggi sono nella mia memoria, mi riporto alle grandi teglie di pizze che si cuocevano nel forno comunale a Pescasseroli, dopo che le Donne locali le avevano portate e riportate sulla testa...

    Un profumo inconfondibile...che non ho più ritrovato, ahimè!

    Un abbraccio, carissima Magda, e grazie per destare in me ricordi sì piacevoli...

    Ciaoooooooooooo
    Angela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Angela,ognuna di noi ha ricordi diversi...però alla fine le emozioni che proviamo sono le stesse...
      Adesso è veramente raro, passare davanti a un forno e sentire il profumo.
      Ciao Angela.

      Elimina
  11. ciao
    che buono il profumo di pane. Poi buono anche il profumo della pizza. Quando ero piccola abitavo vicino a una forneria......che buoni profumi uscivano la mattina da lì. Buono anche il profumo della pioggia in un bosco.

    RispondiElimina
  12. Al mattino i buoni profumi di pane e pizza invogliano a fare gli spuntini...
    e sono d'accordo anche con il profumo del bosco...
    Ciaoo Robby

    RispondiElimina
  13. Ciao Magda! Sono contenta che ti sia piacciuta la mia raccolta :D Molto bello il tuo post facendo un passo nel passato! Io vivo in un paesino vicino al negozio dove lavoro c'è un forno antichissimo che spesso s'è visto in tv su linea verde e sulla trasmissione che ora mi sfugge il nome (che facevano su rete 4 la domenica) cmq ogni giorno si sente un profumo buonissimo del pane, dei dolci mmmm mamma mia! Mi sa che mi vado a comprare un pò di ciambelline! :D Mi hai fatto venire voglia :D Un bacio buona serata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai comperato le ciambelline??
      chissà che buone fresche appena sfornate ^__^

      ciao un bacio e buona notte a te

      Elimina
  14. ciao Magda il tuo giardino ha lasciato posto alle foglie autunnali vedo....anche a me piace tanto il profumo dei negozi di panetteria, di pasticceria, di pizzeria,,,,insomma lo avrai capito da tempo che sono golosa e amo tutte quelle cosine che fanno ingrassare....;-)
    un saluto veloce che in qst gg sono sempre pochissimo al pc....ciao cara.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fiore ciao,si ho provato a fare un cambiamento.
      Quando si sentono dei profumini si diventa un pò golosi tutti.
      Ciaooo e buon lavoro.

      Elimina
  15. Magda stupendo il tuo post,peccato che col computer non possiamo mandare anche i profumi. Grazie del commento al quale risponderò dopo di qui. Il pane fresco a tocchi grossi con la mortadella...ma anche con la marmellata casareccia...
    In casa mia non sono ricordi ma il forno ancora vampa ogni 15 giorni.
    Tona e lampi stasera, che il diavolo faccia le pentole?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe proprio bello che girassero i profumi.
      Pane e mortadella penso che sia il massimo.
      Che bello ancora il forno in movimento come na volta.
      Ha fatto poi le pentole il diavolo??
      Qua sereno ancora, ma dicono che tornerà a piovere ancora :-(
      Ripasso a leggere la risposta.
      ciaooo Andrea

      Elimina
  16. ...sì, quello che ricordo anch'io è il profumo del pane. Ad Altamura dove andavo 3 m3si dai nonni, il pane veniva impastato in casa dalle massaie e ognuno aveva un "segno" d'appartenenza poichè poi passava il garzone li caricava su di un'asse e li portava nel forno grande del paese per poi riconsegnarli a cottura ultimata.....ah che ricordi, che profumi, che nostalgia! Un abbraccio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello questo modo...tutto insieme :-)

      Ciaoo e un abbraccio

      Elimina
  17. Il profumo del pane.

    Pensa la mia maestra, a metà mattinata, mi mandava dal fornaio a prenderle la colazione...

    E a me bambina veniva il languorino.

    Bel post che ci porta indietro nel tempo.

    Baci, Magda.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagino...anche i panini freschi con la mortadella, qualcuno li aveva.
      Ciaooo Gianna
      Baci

      Elimina
  18. ...e col profumo del pane nelle narici
    ti auguro uno splendido mercoledì
    ciaoooooooooooooooo
    Marj

    RispondiElimina
  19. oooh... spettacolo! :-) Oggi c'e' chi si chiede cosa facesse un tempo la gente, visto con c'erano Internet, c'erano poche TV, poche auto per spostarsi... Ecco, forse era anche meglio :-) Almeno da questo punto di vista ;-)

    Un profumo che mi ricorda la mia infanzia? ... mmmh... il pollo arrosto (sono vegetariano da quasi trent'anni), le bucce di arance e altri agrumi sulla stufa... ah si', l'odore di lavanda: mio papa' la metteva ovunque! :-D

    www.wolfghost.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una volta ci si conosceva tutti, e ci si divertiva con poco,era molto bello,erano bei pomeriggi e noi bambini ci divertivamo un sacco,e dopo il terremoto nel mio paese è stato riscoperta la voglia di stare insieme e parlare ...come una volta, e devo dire che è bello, almeno qualcosa di positivo c'è stato.

      Le bucce delle arance le metto sui termo o le faccio bollire con i chiodi di garofano per profumare la casa...il profumo è bellissimo.
      Ciaooo!


      Elimina
  20. L'dore del latte appena munto, l'odore dei campi quando andavo dai miei nonni e delle stalle, l'odore delle ciambelle fatte dalla mia mamma, tanti insomma che ora non si sentono piu'!!!
    Ciao Magda!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non se ne sentono molti adesso...è proprio un peccato!!
      Ciaooo Nonnalibera!

      Elimina
  21. Anch'io mi ricordo il profumo del pane, diverso da quello che compro ora al supermercato.
    Che bel post !
    Ciao Magda !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mirtillo
      ciaooo!!

      Elimina
  22. Allora, un profumo che mi ricorda l'infanzia è quello del muschio del presepio! Ebbene sì...ancora oggi annuso il muschio del mio presepio e mi commuovo ripensando ai Natali dell'infanzia, ai miei genitori...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bello anche questo profumo,lo andavo a cercare nel primo pomeriggio dopo la scuola lungo i fossi...quanti bei ricordi....

      ciaooo Lella

      Elimina
  23. Ho ricordato un altro profumo, che mi porta alla mente...gli anni più verdi...

    E' l'acqua di colonia 'Felce Azzurra', che mia Nonna materna usava dopo essersi lavata, tutte le mattine.
    E quell'odore si abbina ai rimbrotti a bassa voce di mia Mamma,...che vedeva rallentarsi le attività famigliari mattutine a causa della permanenza prolungata della Nonna nell'unico bagno, quando Lei veniva a stare da noi per qualche giorno...


    Un abbraccio, Magda carissima, e ciaoooooo
    Angela

    RispondiElimina
  24. bellissimo ricordo anche questo Angela, mi hai fatto sorridere, e venire in mente la Violetta di Parma, Nel primo cassetto del comò, mia mamma aveva una scatola,e dentro c'era sempre una fialettina (come i campioncini che danno adesso in omaggio)e quando potevo mettere le mani in quella scatolina ero felicissimà. ^__^
    Ciao Angela e grazie per questo bel ricordo che hai fatto riaffiorare

    RispondiElimina
  25. Il profumo delle castagne!
    Quel forno mi porta il dolce profumo del pane appena sfornato, mi porta una ventata di nostalgia, sembra un quadro della mia infanzia!
    Ti abbraccio ciao Magda, grazie per il bellissimo post! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lù,
      un abbraccio:-)

      Elimina
  26. Il pane sicuramente soprattutto quello casareccio e abbrustolito sulla brace del caminetto in inverno... il pane che al mio risveglio trovavo caldo e croccante da inzuppare nel latte con l'orzo solubile.
    Invece un ricordo più estivo è il profumo che faceva la pianta di fichi nel giardino di mia nonna. Con quei frutti viola e la polpa succosa che si offrivano direttamente dai rami. Momenti che non rivivrò più dopo che la nonna se ne è andata anche quell'albero di fichi è stato abbattuto per sistemare il cortile in un bel piazzale cementato.
    ... e poi tante altri aromi e profumi ... ora che mi ci fai pensare... ma forse era proprio l'infanzia ad avere un profumo speciale e proprio che difficilmente si può dimenticare.
    Grazie Magda per i saluti che lasci sul mio blog... l'ho un pò abbandonato perchè mi sentivo sola ed invece ho trovato con sorpresa i tuoi passaggi, ti auguro un buon fine settimana. ti aspetto ancora da me!

    ciao :)


    RispondiElimina